Estate in adolescenza, il periodo delle sfide

Per i genitori di adolescenti l’estate è un periodo dell’anno difficile da gestire. È il momento in cui incontrano più difficoltà soprattutto a proporre e stabilire regole e far sì che i figli le rispettino.

È il periodo degli amori, degli incontri, delle nuove emozioni ma anche dei pericoli . Lontano dall’influenza degli adulti, l’adolescente ha voglia di dimostrare le proprie capacità, di esplorare, di sfidare i limiti e i rischi, e cogliere le opportunità per allontanarsi dall’infanzia troppo lunga e ormai troppo stretta, è lo spazio dove si cercano risposte.

Spesso trovano risposte di tipo evasivo o di fuga dalla realtà attraverso l’uso di sostanze che sembrano offrire loro una risposta ai propri bisogni , sostanze che producono euforia ma anche depressione, stordimento, calo dell’attenzione e della vigilanza. Facilitano la disinibizione sociale anche se generalmente finiscono per aumentare il senso di  isolamento

Eccessi dunque, specie durante le vacanze, quando è più facile andare oltre i propri limiti. E’ quanto emerge anche da uno studio recente condotto su un campione di 8.000 adolescenti italiani.

Secondo l’indagine dell”Osservatorio nazionale adolescenza su 8.000 giovani italiani il 36% dei ragazzini tra gli 11 e i 13 anni dichiara di bere bevande alcoliche e uno su 10 si è già ubriacato. Fra  gli adolescenti la percentuale sale notevolmente: il 55% dei 14-19enni  beve alcolici e il 24% anche fino a stare male. L’uso di bevande alcoliche è quindi diffuso e il rischio di abusi  nel periodo estivo diventa ancora più grave perché i ragazzi sono più predisposti all’evasione, trascorrono più tempo in gruppo e in compagnia degli amici sentono meno il peso delle regole e dei doveri scolastici . Questa condizione facilita per alcuni ragazzi  la messa in atto di  comportamenti  che possono mettere a rischio la salute dei ragazzi stessi, come ad esempio i giochi e sfide a base di alcol,  con lo slogan “lo faccio perché lo fanno gli altri’. Circa un quarto del campione (2000 adolescenti) ha infatti dichiarato di aver bevuto, in genere nel fine settimana, più di 5 drink di seguito con l’intento di ubriacarsi.

Esistono anche delle mode selfie in cui l’alcol è protagonista, come per esempio il beer selfie che consiste nel fotografarsi da soli o in compagnia di amici, con in mano un bicchiere o una bottiglia di birra. Esistono però le varianti e una di quelle è il ‘Drelfie’ (da drunk e selfie), che consiste nel farsi fotografare ubriachi, mentre si vomita, sdraiati per terra in uno stato di semi incoscienza, nei bagni e in qualsiasi altra posizione. I rischi di questi selfie e di questa ricerca di approvazione e condivisione social sono l’intossicazione alcolica e in svariati casi anche il coma etilico.

Gli adolescenti non rinunciano poi a mettersi alla guida anche quando sono in una condizione di alterazione mettondo inevitabilmente a rischio la propria vita e quella degli altri. In più, oggi, oltre a guidare in stato di ebbrezza, riprendono con lo smartphone le bravate in auto o in moto, si scattano selfie mentre fanno le loro ‘prodezze’ per immortalare un momento che, a volte, li ha letteralmente immortalati per sempre. Si chiamano ‘kilfie’ o killer selfie, e sono quelle foto in cui si mette a rischio la propria vita.

Ma il dato allarmante è che l’80% di coloro che hanno abusato di alcol hanno dichiarato anche di aver fatto sesso promiscuo e con più persone nell’arco della stessa sera. In questo modo aumenta notevolmente il rischio di incorrere in malattie sessualmente trasmissibili dall’Hiv, sempre più diffuso tra i ragazzi, all’Hpv e tutte le varie infezioni batteriche e virali,  possibili gravidanze precoci e indesiderate, oltre a rapporti sessuali forzati e vere e proprie violenze.

Esiste quindi un’emergenza edicativa per contenere questi comportamenti a rischio . Gli adolescenti devono essere informati  sulla pericolosità e sulle conseguenze gravi che l’uso/abuso di bevande alcoliche può portare. Prevenzione quindi la parola d’ordine , insieme ad Educazione, in primis da parte dei genitori.

Ai genitori di adolescenti si consiglia di non perdere mai di vista l’importanza di dare i limiti, di insegnare le norme e stabilire le regole che i ragazzi devono seguire proprio per il bene e l’equilibrio psichico dell’adolescente stesso. I ragazzi chiedono ai genitori sempre più libertà, più spazio, più autonomia e più distanza. A tanti genitori capita di confondersi tra il ruolo di adulti autorevoli, adulti autoritari e adulti permissivi.

Durante il periodo della pre-adolescenza e dell’adolescenza figli e genitori dovrebbero imparare a stabilire un nuovo rapporto tra loro. Da una parte i genitori dovrebbero riconoscere di più il bisogno di autonomia dei figli, dall’altra necessario  insegnare loto i limiti e il rispetto delle regole perché questo vuol dire anche rispettare se stessi e il proprio ruolo.

 

Figli adolescenti e amicizie : fiducia e dialogo

Quando i ragazzi entrano nell’adolescenza, le amicizie diventano per loro sempre più importanti. In questa fase i genitori a volte si sentono ignorati o abbandonati dai figli a favore degli amici.

Le relazioni sociali, come l’amicizia adolescenziale, a detta degli studiosi, generano una serie di benefici positivi, tra i quali un sistema immunitario più efficiente, una migliore autostima, bassi livelli di ansia e depressione, un atteggiamento più felice e ottimista, una maggiore aspettativa di vita, più forti competenze di controllo emotivo, miglioramento delle funzioni cognitive, maggiore empatia e sentimenti di fiducia verso gli altri, migliore capacità di far fronte a un evento stressante.

Gli adolescenti oggi stringono amicizie con l’aiuto di social media, app di messaggistica e sms scambiati quotidianamente. Tuttavia, la condivisione sui social media può avere conseguenze negative per il benessere dei ragazzi: gli adolescenti vengono a sapere di eventi e attività a cui non sono stati invitati o confrontano se stessi sfavorevolmente con le immagini che vedono sui social media. Le amicizie migliori sono quelle che consentono agli adolescenti di parlare onestamente e apertamente di come si sentono, senza timore di essere giudicati o insultati.

I genitori non possono scegliere gli amici dei loro ragazzi e non possono (e non dovrebbero) controllare le loro amicizie. Altresì i genitori possono e dovrebbero parlare con i figli  su come dovrebbe essere una vera amicizia, e aiutarli a capire come essere un buon amico. Le amicizie vere si fondano sull’ascolto e sulla condivisione e “rispondono” con compassione, incoraggiamento e rimandi positivi. I genitori possono incoraggiare gli adolescenti a pensare alle qualità che sono importanti per loro in una relazione. Le amicizie hanno più probabilità di durare quando gli adolescenti hanno valori e priorità simili e quando aspirano alle stesse cose al di fuori dalla relazione.

Ma è anche utile che gli adolescenti  sappiano che non tutte le amicizie durano per sempre. Le persone cambiano via via che si matura e quindi possono anche finire.

Inoltre, le amicizie aiutano gli adolescenti a imparare ad affrontare i conflitti, dando loro l’opportunità di guardare se stessi e comprendere cosa potrebbero fare in alternativa. In questo, i ragazzi imparano quanto sia importante dire “mi dispiace” e anche quanto sia importante perdonare.

La priorità per i genitori è riuscire a mantenere la vicinanza e la comunicazione con i figli, e questo significa anche rispettare le sue amicizie, insieme alle altre scelte che sta facendo mentre sta crescendo e avviandosi all’età adulta. Quanto più i genitori riescono ad accettare gli amici dei loro figli adolescenti, tanto meglio sarà, a patto che tali relazioni non minaccino la loro sicurezza e benessere.

Giornata mondiale senza tabacco: in Italia quasi uno su quattro fuma

Un minore su 10 è consumatore abituale di sigarette. Fra loro più della metà fuma anche cannabis

di VALERIA PINI http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/05/30/news/

SIGARETTE spente per 24 ore. Un gesto simbolico per salvare la salute visto che il tabagismo coinvolge quasi una persona su 4 e rappresenta una delle principali cause di morte nel nostro Paese: si contano ogni anno da 70.000 a 83.000 decessi e oltre il 25% avviene tra i 35 e i 65 anni di età. La Giornata mondiale senza tabacco, proclamata dall’Organizzazione mondiale della sanità, che quest’anno affronta il rapporto fra Tabacco e malattie cardiache, è l’occasione per fare il punto su questo tema.

Nel mondo il tabagismo è infatti la seconda causa principale di malattie cardiovascolari e l’uso di tabacco e l’esposizione al fumo passivo contribuiscono a circa il 12% di tutte le morti per malattie cardiache. Secondo l’Oms, inoltre, il consumo di tabacco rappresenta la seconda causa in generale di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile; quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.

Nel nostro paese i fumatori sono il 22,3% della popolazione, in tutto 11,7 milioni di persone. Una dipendenza che riguarda anche i ragazzi: il numero di minori che fumano. Uno su dieci è consumatore abituale di sigarette, quasi il 50% lo ha fatto in passato o lo fa occasionalmente. Tra i fumatori abituali più della metà fuma anche cannabis. Non accenna a diminuire invece il numero totale dei tabagisti nel nostro paese che appare in leggero aumento. Questo ci dicono i dati presentati dall’Ossfad- Centro nazionale dipendenza e doping dell’Iss in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco, che si tiene oggi il 31 maggio. I ragazzi tra i 14 e i 17 anni, infatti, accendono la prima sigaretta alle scuole secondarie di secondo grado e una piccola percentuale inizia addirittura alle elementari.

• IL RAGAZZO CON LA SIGARETTA
“E’ necessario potenziare sistemi di prevenzione primaria per scongiurare questa nuova linea di tendenza che vede il consumo di tabacco anche tra i giovanissimi – spiega Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità – prima che a questa dipendenza se ne associno altre altrettanto o più pericolose”. Secondo l’indagine Explora, che ha realizzato l’identikit “del ragazzo con la sigaretta” su un campione di 15.000 ragazzi tra i 14 e i 17 anni, riguarda soprattutto i maschi. In genere frequentano istituti professionali e licei artistici, i genitori hanno un livello di istruzione medio-basso e non controllano le spese dei figli, risultano propensi al rischio e hanno una percezione del proprio rendimento scolastico mediocre o appena sufficiente. I giovani tabagisti abituali, inoltre, sono quelli che fanno meno sport e che bevono più energy drink. Il dato preoccupante, inoltre, fotografa un maggiore consumo di alcolici tra loro, fino a quattro consumazioni di birra e super alcolici a settimana. Addirittura un 12% dichiara di aver avuto episodi di binge drinking 3 o più volte nell’ultimo mese. Il dato cresce a dismisura sul consumo di droghe: più della metà dei fumatori abituali (il 65,6%) ha fumato almeno una volta anche cannabis nell’ultimo anno rispetto al 2% dei non fumatori.

• GLI ADULTI
Stabile il numero di fumatori tra gli adulti: sono 12,2 milioni (dati Doxa), il 23% della popolazione, in leggero aumento rispetto al 2017 (11,7 milioni). Si fumano in media 12,3 sigarette al giorno. Mentre aumenta invece il rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro, anzi il rispetto a 15 anni dalla Legge Sirchia è quasi totale. “La situazione generale sulla prevalenza dei fumatori si è cristallizzata – spiega Roberta Pacifici, direttore dell’Ossfad e del Centro Nazionale Dipendenze e Doping – abbiamo registrato gli stessi dati del 2007, segno evidente che non si vede alcuna inversione di tendenza, anzi si registra un lieve incremento nella popolazione maschile. Per questo abbiamo acceso i riflettori sui giovani che rappresentano il serbatoio di riserva dei tabagisti, sono quelli cioè che continuano ad alimentare la popolazione dei fumatori che non accenna a diminuire”.

• IN CALO LE DONNE

continua a leggere su repubblica.it/salute

Prigionieri del tempo: un delitto alle Murate

Lunedì 4 giugno a Le Murate. Progetti Arte Contemporanea

Prosegue nei Musei Civici Fiorentini il lavoro con i teenagers, con l’obiettivo di promuovere sempre più efficaci linee di dialogo e di dialogo fra i giovani e la cultura. Ecco perché, grazie al Gruppo Teens costituitosi intorno al patrimonio civico e composto da una ventina di ragazzi delle scuole superiori, MUS.E propone un evento alla scoperta del complesso delle Murate.

Dopo aver studiato e indagato i musei cittadini, il Gruppo Teens ha infatti concepito l’idea di un’iniziativa tutta centrata sulla storia di questo luogo intrigante e incredibile: le Murate, antico convento femminile in età rinascimentale, divenuto carcere nell’Ottocento e trasformato oggi in una delle aree più vivaci e sfaccettate di Firenze. Nella settimana conclusiva dell’anno scolastico, quindi, e precisamente nel pomeriggio di lunedì 4 giugno, tutti i teen-agers della città sono invitati a riunirsi in squadre e a darsi appuntamento davanti a Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, dove avrà inizio una appassionante avventura d’ingegno. Prendendo spunto da eventi, episodi e vicende accadute nel complesso e dai grandi protagonisti che lo hanno abitato, infatti, è stato immaginato un vero e proprio gioco che consentirà ai partecipanti di conoscere in forma coinvolgente i tratti principali della storia delle Murate fino a oggi. La squadra vincitrice avrà in premio una cena all’Hard Rock Cafe di Firenze, che si ringrazia per il sostegno.

Il Gruppo Teens nasce dall’esperienza di Alternanza Scuola Lavoro del Liceo Classico Niccolò Machiavelli, del Liceo Artistico Leon Battista Alberti, del Liceo Scientifico Antonio Gramsci di Firenze e del Liceo Scientifico Ernesto Balducci di Pontassieve ed è costituito da: Sofia Baci, Emma Baldini, Lapo Bianchi, Sofia Di Michele, Emma Helene Ferace, Niccolò Godenzani, Francesco Gori, Costanza Grassi, Gabriele Masini, Alessio Oreto, Letizia Orlandini, Niccolò Pasquini, Giulia Pepponi, Clara Piccioli, Teresa Pierini, Eftimia Popescu, Gregorio Renzi, Douglas Scotti di Vigoleno Leone.

  • Per chi: giovani dai 14 ai 18 anni  (gruppi da 5-6 persone)
  • Quando: lunedì 4 giugno dalle h15 alle h19 (partenze ogni mezz’ora fino alle h18)
  • Durata: 1h circa
  • Dove: appuntamento a Le Murate progetti di Arte Contemporanea (piazza delle Murate, Firenze)

La partecipazione è gratuita. La prenotazione è obbligatoria e a nome della squadra.
Per informazioni e prenotazioni:
tel. 055-2768224
info@muse.comune.fi.it
www.lemuratepac.it

Grazie a
Hard-rock-cafe-logo-vector

 

Per scrivere storie bisogna saperlo fare

di Antonio D’Orrico, La Lettura
Si può raccontare la storia della ballerina Isadora Duncan tacendo la sua formidabile morte? No, se si ignora com’è morta, non si capisce com’era Isadora Duncan. È come leggere un giallo saltando la fine, una fine così spettacolare da illuminare retrospettivamente l’intera esistenza. Per motivi imperscrutabili, alla voce «Isadora Duncan» delle Storie della buonanotte per bambine ribelli numero 2 (ma bastava e avanzava il numero uno) non si fa cenno alle circostanze (bizzarre, rocambolesche e terribilmente sfigate) della dipartita della celebre danzatrice. Furono proprio quelle circostanze, divenute leggendarie, a dettare a Gertrude Stein il miglior epitaffio mai scritto di Isadora. Disse severamente Gertrude quando seppe com’era morta la danseuse: « Affectations can be dangerous ». L’affettazione può fare male. È importante (addirittura vitale) che le bambine ribelli, ma anche le ubbidienti, sappiano come e perché se ne andò all’altro mondo Isadora Duncan. Una nozione che non deve mancare nel loro kit formativo. Non farglielo sapere è quasi un comportamento criminale. Perché Cavallo&Favilli hanno omesso l’informazione? Forse ritengono che sia un modo di morire lesivo della loro idea di femminilità (in genere e di Isadora in particolare)? Lasciarci la pelle in quella maniera non la rende un’eroina degna delle bambine ribelli, non è abbastanza e-di-fican-te? E forse per gli stessi motivi alla voce «Marina Abramovic» (brutta come il più brutto dei comunicati stampa) non hanno raccontato la bellissima scena accaduta al quattordicesimo compleanno dell’artista. Suo padre le consegnò un sacchetto e le disse: «È una pistola da borsetta per quando andrai all’opera». Nessuno mi toglie dalla testa che in quel preciso momento Marina Abramovic diventò Marina Abramovic. Anche questo non rientra nei canoni del femminilmente corretto di Cavallo&Favilli? Per scrivere un libro di storie c’è una maniera soltanto: bisogna saperle raccontare. Buonanotte.

 

LO SMARTPHONE PROSCIUGA IL CERVELLO

  I NATI FRA IL 1995 ED IL 2012 NON CONOSCONO UN MONDO SENZA INTERNET. NON FUMANO, NON BEVONO, NON SI DROGANO. MA SI AMMAZZANO DI PIPPE – UN TEEN AGERS SU DUE E’ SULL’ORLO DELLA DEPRESSIONE: NON ESCE CON GLI AMICI E NON DORME PIU’ DI 7 ORE A NOTTE
Costanza Rizzacasa per La Lettura – Corriere della Sera, ripubblicato da DAGOSPIA http://m.dagospia.com/

gli adolescentisudoano piu per i flussi ormonali

Uno studio interdisciplinare delle Università del Texas, New Jersey e San Diego su 800 studenti di età media 21 anni conferma il punto di non ritorno. Si chiama brain drain , letteralmente «prosciugamento del cervello». È ciò che accade al nostro per la sola presenza dello smartphone. Anche se lo teniamo spento, anche se è in un’ altra stanza. Già il solo possederlo riduce le nostre capacità cerebrali. Perché è oggetto dei nostri pensieri. L’ età del campione è importante, e non a caso allo studio ha collaborato anche uno scienziato della Disney.

Sappiamo che il cervello si evolve, e le diverse aree corticali maturano a età differenti. Ad esempio le cortecce prefrontale e frontale, legate alla razionalità, alla cognizione, alle funzioni sociali e al linguaggio, maturano attorno ai 25 anni. Di giovani e giovanissimi si occupa anche la psicologa Jean Twenge nel nuovo libro iGen , in uscita negli Usa in questi giorni. iGen , ovvero la generazione dell’ iPhone, l’ altro appellativo della Generation Z .

 

I nati tra il 1995 e il 2012, che non ricordano un tempo senza internet, dodicenni all’ uscita dello smartphone Apple (2007), che 3 iGen americani su 4 oggi possiedono. E, certo, anche i Millennial sono cresciuti con il web, ma non era così onnipresente nelle loro vite, non ce l’ avevano in tasca. In un capitolo anticipato dall’«Atlantic», Twenge sostiene che i post-Millennial, più a loro agio online che nella vita reale, sono sull’ orlo del più grave esaurimento degli ultimi decenni.

«L’ avvento dello smartphone – scrive – ha modificato ogni aspetto della vita dei teenager, e li sta uccidendo». A prima vista si direbbe il contrario. Rispetto alle generazioni passate, la vita degli iGen è molto più sicura. Non fumano, non bevono, non fanno uso di droghe, molti non hanno neanche la patente. E però dal 2011, nota Twenge, i tassi di depressione e suicidio nei teenager si sono moltiplicati.

 Prendete le interazioni sociali. Il numero di adolescenti che si vede con gli amici quasi tutti i giorni è crollato, tra il 2000 e il 2015, di oltre il 40%. Anche i primi appuntamenti diminuiscono: nel 2015, interessavano il 56% dei 17-18enni, contro l’ 85% di Baby Boomer e Gen X. Il risultato è un crollo dell’ attività sessuale (in parte una buona notizia, perché le gravidanze in età adolescenziale sono scese del 67% rispetto al picco del 1991).

gli adolescenti sono connessi sempre

Ma il sesso, nei maschi, è rimpiazzato dalla pornografia online. Già nel 2015 ne guardavano due ore a settimana e per Philip Zimbardo, psicologo di Stanford che da anni studia le conseguenze di videogame e porno online, ne sono drogati. «La crisi della mascolinità, l’ assenza dei padri, il confronto coi successi delle coetanee – diceva Zimbardo qualche anno fa al “Corriere della Sera” – spingono i teenager a rifugiarsi nel cyberspazio, cercando lì le sicurezze e le conferme che non trovano altrove». Il risultato? Da un lato aspettative non realistiche negli incontri reali, ma anche il rifiuto di questi ultimi per paura di non piacere.

Ma gli adolescenti lavorano anche molto meno delle generazioni precedenti. Negli anni Settanta il 77% dei diplomandi americani aveva un lavoro part-time: nel 2015 solo il 55%. Per le migliori condizioni economiche delle famiglie, certo, e perché molti di quei lavori, come il commesso da Blockbuster, non esistono più. Ma lavorare voleva dire indipendenza, comprarsi la macchina. Invece uno studio del Pew Research, due anni fa, evidenziava l’ infrangersi di un mito, immortalato da Happy Days a Beverly Hills 90210 : il lavoretto estivo. Oggi ce l’ ha meno di un terzo dei teenager, e l’ oggetto più desiderato non è l’ auto, ma lo smartphone. È lo smartphone a segnare il passaggio alla maturità, che per Google arriva già a 13 anni. Maggiorenni per navigare da soli: la patente, oggi, è quella di internet.

Gli iGen, quindi, hanno molto più tempo libero delle generazioni precedenti. E lo passano da soli, sullo smartphone, spesso infelicissimi. A confessarlo sono proprio loro. Secondo l’ annuale indagine Monitoring the Future , i 13-14enni che trascorrono 10 o più ore a settimana sui social hanno il 56% di probabilità in più di dirsi «giù». Al contrario, se passano più tempo della media con gli amici, le probabilità sono il 20% in meno.

La solitudine è ai massimi storici, aumenta il rischio di depressione: del 27% nei 13-14enni che fanno grande uso dei social, mentre diminuisce in chi fa sport. I social riflettono la popolarità dei ragazzini, e, per i loro parametri, il loro valore. Si moltiplicano sindromi come Fomo ( Fear of missing out , la paura di essere esclusi). E se da tempo gli esperti di salute mentale denunciano il legame tossico tra like e autostima, un nuovo studio della Royal Society for Public Health britannica dice che è Instagram l’ app più pericolosa, perché più di tutte scatena l’ inadeguatezza.

E poi il sonno. Meno di 7 ore a notte per gli adolescenti che passano 3 o più ore al giorno sullo smartphone, contro le nove raccomandate a quell’ età. Nel 2015, il 57% in più soffriva di carenza di sonno rispetto al 1991. Fin qui la Twenge, la cui tesi ha scatenato anche polemiche.

«Basta col panico morale a ogni innovazione. Era accaduto già nel Settecento – scrive sul “Guardian” Catharine Lumby, docente all’ australiana Macquarie University – con l’ avvento del romanzo e negli anni Cinquanta con il rock&roll. I teenager non dovrebbero passare la vita su uno schermo, ma prima di lagnarcene dovremmo essere noi genitori a smettere di farlo». Altri invece, mentre sottolineano l’ insufficienza di dati clinici per parlare di grave crisi mentale, concordano su quanto lo smartphone modifichi i processi neurologici.

SMARTPHONE A SCUOLA 2

«Dire che gli smartphone abbiano distrutto una generazione è esagerato – spiega a “la Lettura” David Greenfield, fondatore già negli anni Novanta del Center for Internet and Technology Addiction – ma le conseguenze dell’ abuso sono inequivocabili. Ciò che mi preoccupa di più è la distrazione. Il lobo frontale negli adolescenti non è ancora sviluppato, sono più impulsivi e meno coscienti del rischio. Le probabilità di un incidente stradale sono perciò 6-7 volte maggiori».

Greenfield, che ha creato una scala per misurare la dipendenza da smartphone, nota che anche l’ etica del lavoro, negli iGen, è diversa: «Sono così abituati alla gratificazione immediata dello smartphone che la loro soglia di tolleranza è molto più bassa». Più allarmante ancora, o meno a seconda dei punti di vista, potrebbe essere la correlazione tra smartphone e droghe. Secondo il National Institute on Drug Abuse, nel 2016 l’ uso di droghe illegali tra teenager è sceso ai minimi dal 1975, e gli scienziati si chiedono se non sia perché sono costantemente stimolati dagli smartphone, che come le droghe agiscono sui livelli di dopamina.

 

Greenfield ne è convinto. «In pratica, con lo smartphone, negli ultimi 10 anni i ragazzini si sono portati in giro una pompa di dopamina, il neurotrasmettitore che regola il circuito della ricompensa. È così con le notifiche, che controlliamo in continuazione, ed è il motivo per cui definiamo lo smartphone la più piccola slot machine al mondo».

AMICI? E’ PIU’ FACILE. LE RELAZIONI FLUIDE.

Uomini e donne possono essere amici? Ora è più facile: le reazioni sono diventate «fluide»
La quotidianità ha avvicinato uomini e donne: si vive e si lavora di più insieme. Da «Harry ti presento Sally» è cambiato tutto: è caduta (per sempre) la barriera del sesso

di Gaia Piccardi e Massimo Rebotti Corriere della Sera http://www.corriere.it/cronache/uomini-cambiamento/
«Uomini e donne non possono essere amici perché il sesso ci si mette sempre di mezzo, perché nessun uomo può essere amico di una donna che trova attraente: vuole sempre portarsela a letto». È il 1989. In Italia s’insedia il sesto governo Andreotti, a Berlino cade il Muro e tra Chicago e New York, nell’arco di un lungo viaggio in auto, Harry illustra a Sally la sua teoria sull’impossibilità dell’amicizia tra uomo e donna. Quasi trent’anni dopo, «Harry ti presento Sally» è ancora la pietra angolare per decifrare il groviglio di emozioni che nasce da un incontro? Da allora — insieme al mondo — sono cambiate molte cose: oggi più che mai maschi e femmine socializzano, lavorano insieme, condividono interessi e a volte il materasso senza necessariamente essere in coppia, in uno scenario di relazioni fluidificate dalla rivoluzione dei costumi e delle convenzioni sociali.

«Ai miei tempi c’era il sesso oppure no — ricorda la scrittrice e psicoterapeuta Gianna Schelotto —. Non esistevano vie di mezzo. Chi s’immaginava che sarebbe nata la categoria dei trombamici?». Prego dottoressa…? «Quando il sesso non è più barriera né impedimento, l’amicizia tra uomo e donna diventa possibile. Ho pazienti che usano il sesso come mutuo soccorso. In tempi di rimescolamento di ruoli e generi, con una soglia del pudore più bassa, le divisioni rigide — amore o amicizia — non hanno più ragione di esistere». È la fascia degli adolescenti il grande laboratorio degli esperimenti intersessuali. Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra e grande conoscitore dei giovani, spiega: «Le pari opportunità puntavano proprio a questo: smussare la rigidità degli stereotipi. Oggi all’Erasmus i ragazzi dormono nello stesso letto senza obbligo di relazione intima». E se il sesso c’è, è ginnastica priva di implicazioni emotive: «Ha perso l’alone di tabù e proibito. Le femmine si sono virilizzate, i maschi femminilizzati. In questo contesto è più facile che si formino coppie di amici misti». Se maschi e femmine ormai hanno imparato a stare insieme, se diminuisce il potenziale erotico e si scopre che si può avere un rapporto nuovo, chissà quale campo minato sono diventate le relazioni tra adulti.

Esploratore dell’animo femminile, ancora pieno della lunga storia con la sublime Mariangela Melato, Renzo Arbore è il nostro Caronte nelle acque agitate di un tema mai risolto. Arbore non ha dubbi: «L’amicizia tra uomo e donna non solo è possibile, ma io l’ho sperimentata tante volte. Ho avuto amiche vere senza altre implicazioni, rapporti paritari con femmine intelligenti e colleghe bravissime». Alla fine degli Anni Settanta, in tv, conduce «L’altra domenica». Al suo fianco Milly Carlucci, Isabella Rossellini, Stella Pende, Irene Bignardi. «Le chiamavano le donne parlanti perché in quegli anni le donne facevano solo le vallette. Di ciascuna di esse sono rimasto profondamente amico». E poi c’è Mariangela. L’amore, on/off, di una vita. «Con lei il rapporto era speciale. Quando in un primo tempo è finito l’amore, che poi non era finito, siamo stati molto amici. C’era tra noi una profondissima stima. Non ho mai smesso di ragionare con lei, di chiamarla, di farle dei regali, di farmi consigliare. Le indicavo persino con chi, secondo me, dovesse fidanzarsi. Poi abbiamo riscoperto che eravamo fatti l’uno per l’altra ed è tornato ad essere amore. Che però è anche amicizia, stima e sentimento».

Un sentiero che, nello sport, hanno percorso anche la campionessa degli Open Usa 2015 Flavia Pennetta e Fabio Fognini, collega tennista. Amici sin da ragazzi, si sono piaciuti a rispettosa distanza per anni prima di ritrovarsi d’incanto liberi da fidanzamenti. È a quel punto che l’attrazione non ha più avuto ostacoli. Racconta Flavia, neomamma di Federico: «Ci siamo messi insieme con alle spalle vent’anni di consolidata amicizia. Quando ci siamo scambiati il primo bacio, sapevamo già tutto l’uno dell’altra». Una relazione, infatti, può iniziare fraternamente, diventare sessuale e poi ritornare fraterna: «Sono solo le convenzioni a dirci che tutto ciò non va bene» interviene Rosa Maria Vijogini, terapeuta al centro milanese Cuore di Smeraldo: «Tra un uomo e una donna c’è sempre un’attrazione. Può essere fisica o intellettuale. In ogni caso alla base di una relazione c’è un bisogno profondo: quello di un’unione che ci completi. Sull’altro, in pratica, proiettiamo ciò che pensiamo ci manchi». A questo proposito il filosofo Massimo Cacciari raccontò al Corriere della Sera di una grande sintonia con una donna che non sfociò mai in una relazione sentimentale, spiegando così l’occasione mancata: «L’affinità era tale che era come se ti specchiassi nell’altro; e se vedi te stesso nell’altro ti ritiri, non vai dentro alla fonte come Narciso: non puoi fare, in pratica, l’amore con te stesso!».

A dimostrazione del fatto che la materia è incandescente, sul tema si sono esibiti poeti (Borges: «L’amicizia tra un uomo e una donna è sempre un poco erotica, anche se inconsciamente»), scrittori (Wilde: «Fra uomo e donna non può esservi amicizia: passione, ostilità, adorazione, amore, ma mai amicizia»), cantanti (Venditti: «Amici mai, per chi si cerca come noi, non è possibile»). Attraverso la loro amicizia speciale, poi, Sophia Loren e Marcello Mastroianni hanno creato quell’alchimia che dalla vita si è trasferita sul grande schermo («Fu sintonia immediata, senza mai un’incrinatura: un gigantesco amore cinematografico» scrive Sophia nella biografia) e Monica e Chandler l’esilarante complicità che ha reso immortale la serie televisiva «Friends». Tra le infinite variabili di una relazione uomo-donna c’è anche quella di genere: «Per sua fisiologia — dice la psicoterapeuta di coppia Roberta De Bellis — il maschio ha un tipo di impulso sessuale che lo rende più incline a cadere in tentazione, mentre nella donna prevale la componente emotiva: il mondo si evolve, insomma, ma le dinamiche interpersonali rimangono ferme al discorso che Harry fa a Sally nel film».

Marco Columbro a Lorella Cuccarini la tesi di Harry non l’ha mai esposta però — forse — un pensiero ce l’ha fatto: «Io stavo a Milano, Lorella a Roma e tutti ci dicevano: dai ditelo, siete fidanzati, siete una coppia». Il conduttore ricorda bene la percezione del pubblico negli anni del loro sodalizio: «Io e lei avevamo un’alchimia rarissima, quando capita è un dono. Artistico e umano. C’era un rispetto profondo e un affetto amicale. Ma non c’è mai stato niente». Con qualche rimpianto: «Bella donna, simpatica, intelligente. Però era fidanzata con l’amore della sua vita, continuava a ripetere. Due palle… Qualsiasi voglia te la faceva passare». Giusto o sbagliato che sia il discorso di Harry, l’amicizia rimane un’esigenza: «Ci si specchia nell’altro per capire che tipo di uomo o donna vogliamo diventare» chiosa Pietropolli Charmet. «È come una danza o una lotta — spiega Vijogini —. Dentro a una relazione di amicizia c’è sempre una possibilità evolutiva». E alla fine di quel famoso film, per non sbagliare, Harry si fidanza con Sally.

NON MANDARE L’ESTATE IN FUMO

Sole e relax aiutano a dire addio alle sigarette
È sempre il momento giusto per smettere di fumare. Ma la pausa estiva mette a disposizione alcune armi in più a chi vuole provarci. Le giornate lunghe, la possibilità di distrarsi con attività piacevoli, l’assenza di stress lavorativo possono essere potenti alleati delle buone intenzion

articolo di Vera Martinelli del 09.07.17 pubblicato su Corriere della Sera/Salute

Due bracciate a nuoto, una passeggiata su un sentiero in salita, un po’ di movimento per gioco con gli amici. Subito il fiato corto e un pensiero fulmineo, al pacchetto di sigarette in tasca. E se fosse ora il momento buono per dire basta?

«Smettere di fumare fa bene sempre, ma l’estate offre una serie di opportunità che la rendono uno dei momenti migliori per affrontare questo passo — dice Roberto Boffi, medico pneumologo, responsabile della Pneumologia e del Centro antifumo dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano —. Le giornate sono più lunghe, permettendo di ritagliare spazi per fare attività piacevoli, salutari e gratificanti, ottimi alleati dello stop al fumo. La prospettiva di scoprire il corpo e l’alimentazione leggera e più ricca di frutta e verdura possono contribuire a rafforzare la volontà di mantenere una buona forma fisica. Infine, specie per chi fuma di più a causa dello stress lavorativo, la prospettiva delle vacanze offre relax e la libertà di organizzare l’addio alle sigarette nella maniera che meglio si adatta a ognuno».

In Italia, stando alle ultime rilevazioni dell’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga (OssFAD) dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), vivono 52,4 milioni di persone che hanno più di 15 anni: 34,1 milioni sono non fumatori, 6,6 sono ex tabagisti e 11,7 sono gli attuali fumatori. In pratica, nel nostro Paese, fuma un uomo su quattro e una donna su cinque.

«I numeri del Rapporto 2017 mostrano che continua a crescere la quota di fumatrici — commenta Walter Ricciardi, presidente dell’Iss — che superano i maschi, specie nel Nord del Paese, soprattutto nella fascia d’età in cui s’accende la prima sigaretta (15-24 anni) e in quella in cui solitamente si smette (45-64). Altro dato preoccupante è l’aumento di fumatori medi (10-15 sigarette al giorno) e pesanti (oltre le 20) tra i giovanissimi».

A rincuorare, ci sono i dati sul fumo passivo: «I divieti legislativi hanno sortito l’effetto sperato — continua Ricciardi —. Sono pochi, e diventano sempre meno, gli italiani che hanno fumato in auto in presenza di minori e donne incinte. Solo 1 su 10 consente ai propri ospiti di accendersi una sigaretta in casa, e 9 su 10 dichiarano che il divieto di fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro è sempre o quasi rispettato, anche se esistono differenze regionali, con il Nord più virtuoso».

Ha funzionato anche la legge (in vigore da maggio 2016) sui nuovi pacchetti di sigarette: «Immagini shock, messaggi forti sul rischio e Numero Verde gratuito per smettere di fumare (800 554 088) hanno fatto pensare ai danni per la salute oltre l’83% dei tabagisti e fatto aumentare il desiderio di smettere in oltre il 60% — dice Roberta Pacifici, direttore dell’OssFAD —. Il 36%, inoltre, ha rinunciato ad accendersi una sigaretta e le telefonate al nostro servizio per la disassuefazione si sono quintuplicate».

Se le misure di contrasto si sono rivelate efficaci, resta da valutare la componente psicologica. Un recente studio americano condotto su tabagisti tra i 18 e i 39 anni indica, ad esempio, che sia meglio il sentimentalismo del salutismo.

La strategia “nostalgica” (associata a immagini che evocano sensazioni piacevoli e rilassanti) pare fare breccia nell’animo dei fumatori e riesce a influenzare pensieri e comportamenti più della paura di malattie future, dei sensi di colpa o delle “prediche”».

«Trovare il modo di fare leva sulla volontà di smettere è una sfida aperta da molti anni — commenta Biagio Tinghino, presidente della Società italiana di tabaccologia —. La paura può funzionare, come dimostra l’esperienza dei Paesi (come l’Australia) in cui avverten- ze e immagini “forti” sono state adottate da più tempo: i fumatori sono diminuiti, specie fra i giovani. Ma serve anche la speranza di potercela fare, perché se vedi il cambiamento come troppo difficile o pensi di non riuscire, finisci per non provare neppure. Il suggerimento che viene dalla ricerca Usa, perciò, è che ci sia un duplice messaggio: quello sui danni da fumo e quello della strategia per venirne fuori (come il Numero Verde dell’Iss). Bisognerebbe poi trovare il modo di comunicare su larga scala che quando si è aiutati, si smette più facilmente».

Invece la maggioranza dei tabagisti prova da solo (porta a termine l’impresa senza aiuto il 6%) e, in media, fallisce almeno tre volte (secondo le statistiche il quarto tentativo è quello buono), mentre le probabilità di successo salgono molto se si chiede aiuto ai Centri antifumo, dove vengono offerte sia assistenza sia terapie, dai farmaci al sostegno psicologico.

Infine, gli esperti riuniti a Chicago durante l’ultimo convegno americano di oncologia, hanno ribadito l’imprescindibile importanza di aumentare sia il prezzo delle sigarette (i parlamentari Usa si sono espressi a favore ben 120 volte dal 2002) sia l’età del divieto, passando da 18 a 21 anni. Il metodo è risultato efficace su tre fronti: ridurre il numero medio di sigarette fumate, incentivare a smettere e scoraggiare i giovani dall’iniziare.

D come DIALOGO

Permettere ai figli di fare le proprie esperienze di crescita, di divertirsi con i coetanei secondo gli appuntamenti classici dell’eta adolescenziale, restando dei punti di riferimento stabili.

Il percorso di autonomia dei figli va favorito e costruito gradualmente, delimitandone man mano i giusti confini, senza essere né troppo permissivi né autoritari. Fondamentale il dialogo.

 Ecco qualche consiglio per i genitori  che riprendiamo un’articolo di  Adolescienza.it

I figli crescono e iniziano a fare richieste per stare più tempo fuori di casa, soprattutto in estate, rivendicando la propria autonomia.I genitori devono cercare di ammorbidire un po’ alla volta la presa, mantenendo sempre un occhio vigile, lasciandogli spazio per sperimentare, ma nei momenti opportuni essere in grado di recuperare la presa.

  1. STABILITE LE REGOLE INSIEME le regole devono essere chiare e definite in modo fermo e coerente. È importante anche che siano discusse e decise in maniera equilibrata per far sì che siano interiorizzate e comprese dal ragazzo.
  1. LE REGOLE VANNO RISPETTATE. Bisogna, specialmente all’inizio, monitorare le prime uscite e i comportamenti del figlio. È importante mantenere sempre una coerenza con quanto concordato ed essere un punto di riferimento stabile. Se il ragazzo infrange le regole, parlatene e confrontatevi con lui, cercate di capire le sue ragioni e ridefinite gli accordi.
  2. VALUTATE LE DIVERSE RICHIESTE. Le regole non devono essere assolute, vanno anche tarate in base al tipo di attività che chiede di fare il ragazzo. Ad esempio, mangiare una pizza con gli amici è diverso dal fare una festa in casa o andare in discoteca. Ricordate che, se da un lato le feste in casa con gli amici possano sembrare più innocue delle uscite fuori, dall’altro è bene non lasciare completamente carta bianca ai ragazzi e far sì che ci sia un adulto nei paraggi che possa monitorare la situazione.
  3. DATE SEMPRE DELLE SPIEGAZIONI. Piuttosto che vietare o punire, spiegate il motivo per cui vi aspettate un certo comportamento: le regole sono date per tutelare la crescita dei figli ed evitare che possano mettersi nei guai. È importante che non ci sia rigidità nel darle e che il ragazzo comprenda realmente il motivo per cui prendete delle decisioni, parlando anche dei rischi che si possono correre nelle diverse situazioni.
  4. FIDUCIA RECIPROCA. Spiegate la necessità di definire gli orari, di conoscere i luoghi frequentati e di essere avvertiti in caso di imprevisto o problema. Le concessioni devono essere graduali, con il tempo le regole possono essere ridefinite ma, se la fiducia si incrina, è possibile anche fare dei passi indietro rispetto a quanto previsto inizialmente.
  5. NO AL CONTROLLO ECCESSIVO. Se si dà fiducia, si deve dare la possibilità al ragazzo di sperimentare l’autonomia. Evitate di attaccarvi al telefono e chiamarlo ogni 10 minuti durante la serata o ad andare in ansia se ritarda qualche minuto. Rischiate in questo modo di ottenere il risultato opposto. Definite le regole con chiarezza e fidatevi di loro, se dimostrano di essere in grado di rispettare gli accordi.
  6. MANTENETE APERTA LA COMUNICAZIONE. Solitamente a quest’età, i ragazzi si chiudono nel silenzio e comunicano per lo più con i gesti. È importante cogliere i segnali e mantenere aperto il dialogo rispetto a ciò che vive il figlio: evitate il terzo grado e fate domande che mostrino un reale interesse per le loro esperienze. I ragazzi hanno bisogno di allontanarsi ma di essere certi che, quando hanno bisogno, voi sarete lì ad ascoltarli.

 

 

 

 

L’Islanda ha sconfitto la dipendenza da alcol e droghe (con un metodo ignorato dall’Europa)

Un lavoro durato 20 anni, ma che ha portato ottimi risultati. Se fino a due decenni fa, infatti, la dipendenza da droghe e l’abuso di alcol in età adolescenziale era un problema che affliggeva l’Islanda, oggi non lo è più. Dal 1998 al 2016, la percentuale di giovani, compresa tra i 15 e i 16 anni, che abusa di alcol è scesa dal 48% al 5%, mentre quella che fuma cannabis dal 17% al 7%. Anche i fumatori di sigarette sono calati drasticamente: dal 23% al 3%. Un calo che ha portato i giovani dell’isola a diventare i più salutisti d’Europa.

articolo di Renato Paone su  L’Huffington Post http://www.huffingtonpost.it/ 
immagine MB PHOTOGRAPHY VIA GETTY IMAGES

Ma il percorso è stato lungo e tortuoso. Ottenere un simile risultato, in grado di ribaltare la classifica negativa che vedeva i giovani islandesi come i maggiori consumatori di droghe e alcol d’Europa, è stato possibile solo grazie a interventi drastici e diretti:introduzione del coprifuoco, una maggiore collaborazione tra istituti scolastici e genitori, l’introduzione di divieti e la creazione di attività extrascolastiche che coinvolgessero gli adolescenti a tempo pieno.

Un piano avviato nel 1992, ma che ha le sue radici in una tesi di dottorato scritta anni prima a New York dal professore di psicologia statunitense Harvey Milkman, oggi docente presso l’università di Reykjavik. Una tesi che metteva in relazione il consumo di droghe e alcol e la predisposizione allo stress di alcune persone. Dopo la sua tesi, Milkman venne inserito in un team di ricerca dedito a contrastare l’abuso di droghe. Nel 1991, Milkman venne inviato in Islanda per diffondere i suoi studi. La sua idea colpì gli islandesi, che gli chiesero di iniziare un progetto con i giovani isolani. Nel 1992, il questionario del professore fu sottoposto a tutti gli adolescenti di età compresa tra i 15 e i 16 anni. Esperimento ripetuto anche negli anni seguenti. Nel questionario venivano poste domande semplici e dirette, tipo: “Bevi alcolici?”, “Ti sei mai ubriacato?”, “Hai mai fumato?”, “Quanto tempo trascorri con i tuoi genitori?”, “Svolgi attività?”.

Quel che emerse dal questionario fu un risultato negativo: circa il 25% dei ragazzi affermava di fumare quotidianamente e il 40% ammetteva di essersi ubriacato appena un mese prima. Ma quel che colpì Milkmna fu un altro risultato: dal questionario, infatti, constatò che chi praticava sport o frequentava corsi, e aveva un buon rapporto coi genitori, era meno propenso all’utilizzo di droghe e alcol.

Da quelle semplici domande nacque, su iniziativa del governo, Youth in Iceland, un programma nazionale di recupero che coinvolgeva direttamente genitori e scuole. Per prima cosa vennero eliminate le pubblicità di sigarette e bevande alcoliche, i minori di 18 anni non potevano più comprare sigarette e chi non aveva 20 anni non poteva acquistare alcol. Venne introdotto un coprifuoco agli adolescenti tra i 13 e i 16 anni: rientro a casa alle 10 di sera in inverno, a mezzanotte d’estate. L’obiettivo principale, infatti, era far passare ai ragazzi più tempo possibile in casa, anteponendo la quantità alla qualità delle ore trascorse in compagnia dei familiari.

“All’epoca, in Islanda erano stati introdotti programmi di prevenzione ed educazione, ha affermato Inga Dóra, assistente ricercatrice che ha partecipato allo studio. I ragazzi erano stati informati dei rischi che correvano attraverso l’assunzione di droghe o l’abuso di alcol, ma nonostante questo non erano stati raggiunti i risultati sperati. Questo perché, come accade anche in altri paesi, non si dà il giusto peso a queste iniziative. “Per questo – ha dichiarato Dóra – abbiamo pensato ad un metodo di approccio differente”.

A tutto questo si legò l’introduzione massiccia di attività extrascolastiche di ogni tipo, da quelle sportive a quelle artistiche. In questo modo si permetteva ai giovani di stare insieme e garantire loro un senso di benessere psico-fisico, lo stesso che ricercavano utilizzando droghe e abusando di alcol. Attività che coinvolgevano tutti i giovani, anche quelli meno abbienti: per loro il governo aveva predisposto degli incentivi statali. “Non abbiamo detto a questi ragazzi ‘Siete in terapia’. Abbiamo detto loro ‘Vi insegneremo quello che volete’: musica, danza, arti marziali, dipingere”, ha spiegato Milkman. Attività che avrebbero agito sul loro cervello, così come le droghe che usavano, ma senza gli effetti negativi. In questo modo avrebbero anche ridotto lo stress e l’ansia.

In 15 anni, dal ’97 al ’12, il numero di giovani impegnato in attività sportive raddoppiò, frequentavano i corsi anche quattro volte a settimana. Anche il tempo passato in famiglia giocò un ruolo cruciale. Così facendo la percentuale di coloro che abusavano di alcol e droghe calò drasticamente.

Youth in Iceland, visto il suo successo, si è evoluto in Youth in Europe, ma il programma (…)

continua a leggere su http://www.huffingtonpost.it/

1 2 3 9

Clicca su "Accetto" per consentire l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi