Già dall’età pre-adolescenziale i giovani si approcciano agli strumenti tecnologici e trascorrono la maggior parte del tempo a chattare e a condividere foto e video sui principali social network.  L’interazione quotidiana con Internet da parte dei minori dovrebbe essere monitorato costantemente dai genitori per evitare la violazione del diritto della privacy e per inibire l’insorgenza di problematiche legate al cyberbullismo e alla pedopornografia.

Tutelare la privacy dei minori, ma come comportarsi?

Con l’entrata in vigore del GDPR (General Data Protection Regulation), il tema dei minori e della tutela della loro privacy ha assunto un’importanza sempre più rlevante. La stessa la piattaforma di messaggistica istantanea Whatsapp ha alzato da 13 a 16 anni l’età minima per l’utilizzo del suo servizio all’interno dell’Unione europea.

Questo non significa che gli under 16 non possono utilizzare la piattaforma, ma i genitori devono supervisionare le conversazioni Whatsapp. Infatti  si legge all’art. 8 del Regolamento che: “per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale”. Questa disposizione regolamentare avrebbe l’ l’obiettivo di ridurre i rischi derivanti dal costante e quotidiano utilizzo dei social tramite smartphone e dalla conseguente circolazione di informazioni e di contenuti postati dagli utenti, in particolare dai nativi digitali.

Il problema principale  rimane  quello della consapevolezza dei ragazzi: i loro diritti devono essere tutelati ad hoc, alla luce del nuovo modo di vivere e di interagire con il web e, in particolare, con i social. Dinanzi a questo nuovo modo di raccontarsi e di instaurare una relazione con altri  è necessario educarli a capire come, attraverso il digitale, possono influenzare il mondo che li circonda.

Quindi assecondarli nell’utilizzo dei social  spiegando loro i rischi insiti e derivanti dallo stare troppe ore connessi . Far comprendere ai ragazzi che esistono dei livelli di privacy da attivare per evitare  seri rischi legati alla diffusione ed alla condivisione delle immagini e dei video. Una volta in rete questi materiali sono di dominio pubblico ed è facile che la privacy sia violata da qualche malintenzionato.

Educare, ma anche controllare.  La vigilanza rimane nelle mani dei genitori insieme  al compito di  spiegare ai propri figli che c’è una differenza tra vita privata e quella pubblica.

E’ possibile un controllo sistematico attraverso appositi “software spia” (si tratta di  applicazioni  concepite per un utilizzo legale e per tale motivo sarà responsabilità dell’utente utilizzarle in modo legale). Sono disponibili moltissime app (alcune gratutite altre a pagamento)  eccone alcune segnalate  ai genitori dagli addetti ai lavori:

Phone Tracker: app gratuita per Android che consente di monitorare i dati di localizzazione GPS, il registro delle chiamate in entrata e in uscita, i messaggi in entrata e in uscita e la cronologia dei siti web visitati. I dati raccolti possono essere controllati andando sul sito PhoneTracker.com.

Family Link: app di Google e che permette di controllare l’utilizzo dello smartphone dei figli (fino ai tredici anni). scaricare l’app e iscriversi al servizio. L’e-mail utilizzata dall’adolescente deve essere collegata a quella del proprio genitore: in questo modo ogni volta che vorrà scaricare una nuova app dovrà avere il permesso. Inoltre, il genitore può controllare anche l’utilizzo dello smartphone e quanto tempo ha passato sulle applicazioni. Si potrà impostare anche il parental control.

TheOneSpy: disponibile sia sul Google Play Store sia sull’App Store permette l’accesso alle informazioni che sono inviate a un portale dove gli unici ad avere l’accesso sono i genitori. Oltre ad ascoltare le chiamate effettuate, è possibile controllare la cronologia del browser. 10 euro al mese

MSpy:  compatibile sia con Android che con iPhone è in grado di monitorare anche le attività su applicazioni come SnapChat e WhatsApp. I dati raccolti possono essere controllati da un portale Web cui è possibile accedere con un qualsiasi browser. Il pacchetto base, adatto al monitoraggio delle attività dei figli minorenni, parte da circa 20 euro al mese.

Flexispy:  intercetta i messaggi delle conversazioni di Whatsapp e consente  di visualizzare alcune informazioni degli utenti che stanno parlando in quel momento con vostro figlio. Permette inoltre  di monitorare i movimenti attraverso il GPS. costo mensile superiore ai 50 euro