VIETATI ALL’ANAGRAFE. In Svezia non è ammesso Ikea, così come Metallica e Veranda. Si invece per Google.

IERI ERANO SUELLEN E RIDGE, OGGI SPOPOLANO TRISTAN E SOLEDAD, ISPIRATI DALLA SOAP ‘IL SEGRETO’: TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE PER SCEGLIERE I NOMI DEI VOSTRI FIGLI – LA LEGGE ITALIANA VIETA QUELLI RIDICOLI, MA IN FRANCIA E USA SI PUÒ FARE TUTTO: ECCO I PICCOLI FACEBOOK, NUTELLA, LIKE, HASHTAG, GOOGLE – LA NUOVA MODA? NOMI UNISEX: DECIDERANNO I FIGLI DA GRANDI A QUALI GENERE APPARTENERE

Roselina Salemi per ”D – La Repubblica

gwyneth paltrow e la figlia appleGWYNETH PALTROW E LA FIGLIA APPLE

L’ ultima impetuosa corrente porta nomi unisex, un tempo stranezza da divi, oggi opportunità per non definire i figli (decideranno loro che cosa essere e a quale genere appartenere).

 Hanno cominciato le star, ovviamente: ed ecco le baby celebrity con battesimo agender: James (di Blake Lively e Ryan Reynolds), Wyatt (di Mila Kunis e Ashton Kutcher), North (Kim Kardashian e Kanye West), Anacã (Candice Swanepoel e Hernann Nicoli), che è il nome brasiliano di un pappagallo rosso. Gli ultimi arrivati sono i gemellini di Beyoncé e Jay-Z: Rumi (citazione del famoso poeta persiano, Jall ad-Dn Muhammad Rumi) e Sir (omaggio all’ artista hip hop Sir The Baptist).

 

Esiste ormai una bibbia laica dei nomi neutri, che cerca ispirazione nella natura (Lake, Rain, Willow), nei colori (Blue, Grey, Indigo), nella geografia (Dakota, Montana, India, Brooklyn, Assisi), nei cognomi (Jackson, Mackenzie, Murphy, Madison, Reagan, Lincoln, Verdi).

 Forse c’ è un destino nel nome, o vorremmo ci fosse, come suggerisce il romanzo di Jhumpa Lahiri, dove incontriamo un adolescente che si chiama, con sua grande sofferenza, Gogol’ (dal racconto Il cappotto del grande scrittore russo). E allora che destino può esserci per Tiffany Raponi e Suellen Capozzi?

Alessandro Gassmann le ha incontrate nel copione di Beata Ignoranza (lui è andato sul tradizionale, suo figlio si chiama Leo) e ammette che gridano vendetta: «Dobbiamo fare i conti con la cultura di un’ epoca e, nel bene e nel male, il cinema e la tv ti dicono cosa sognare. Poi ciascuno applica i suoi filtri. E ci sono le autocensure. Chi oggi chiamerebbe un bambino Benito? Ricorda la dittatura fascista, è stato cancellato».

 Sì, il nome è una cosa seria. Ride la scrittrice Isabel Allende: «Mia nonna aveva elaborato una teoria, confermata trent’ anni dopo dalla psicologia e dalle neuroscienze, per cui i nomi influiscono sulla personalità, sul destino. È molto meglio chiamarsi Napoleone che Giuda! Nonna Isabel voleva tramandarmi i suoi poteri paranormali – metteva attorno allo stesso tavolo i vivi e i morti e aveva un’ idea tutta sua del tempo – e immaginava che il suo nome sarebbe stato una garanzia. Purtroppo non andò così, io non vedo gli spiriti, ma ho ricevuto qualcosa da lei, e se avessi avuto un altro nome forse sarei un’ altra persona».

Oggi invece il destino è nell’ ansia del presente, nel bisogno di fermare un attimo di gloria, nell’ illusione di partecipare a un rito collettivo. L’ antropologo Marino Niola, che si diverte a fare incursioni nei comportamenti sociali, dalla tecnologia alle mode alimentari (l’ ultimo libro, scritto con Elisabetta Moro, Andar per i luoghi della dieta mediterranea, Il Mulino) ricorda che «un secolo fa i nomi si pescavano da un elenco limitato: i parenti, i santi, i romanzi. Nella società globale i sistemi di classificazione si sono moltiplicati.

Tutto si mescola, antico e moderno, primitivo e tecnologico. I nativi americani sceglievano Fulmine e Nuvola Rossa, noi siamo a Luna e Oceano. I maori della Nuova Guinea, dopo aver visto il primo aeroplano, l’ avevano acquisito come nuovo nome, connesso a una potenza, a un’ idea di distinzione e di eccezionalità. Noi facciamo lo stesso. Sappiamo che la lingua è arbitraria, che nei suoni non c’ è l’ essenza della cosa (grande dibattito tra i filosofi medievali), eppure l’ attribuzione del nome è l’ elemento magico che ritorna, è la nostra traccia vocale (l’ altra è il corpo). Amiamo rappresentarci come una società che ha fatto fuori il simbolico, il magico in nome della razionalità, invece è il contrario».

Certo, poi si fanno danni come nella zona anarchica della fascia adriatica, dove una bambina poteva essere battezzata in pieno furore tecnologico Lokomotiva. Adesso possiamo prendercela con Mark Zuckerberg per la piccola Facebook nata in Egitto (i genitori l’ hanno definita una scelta politica, per ricordare il ruolo dei social nella Primavera Araba) e per la neonata Like di Tel Aviv.

Possiamo condannare la tecno-ossessione che ha prodotto i vari Mac, Siri e Google evidentemente agender. Per un battesimo infelice si può sempre dare la colpa a qualcuno. Alle fiction, per esempio. C’ è gente che si trascina nomi come Geiar (da John Ross Ewing, il petroliere cattivo di Dallas, serie cult), mentre la nuova generazione è piena di Tristan e Soledad, vittime della soap Il segreto.

Possiamo accusare lo star system: la voglia di un mondo glam impone nomi come Madonna, Rolling Stone e Chanel. Ma che cosa avranno pensato i genitori di bambini non componibili battezzati Ikea? È facile produrre un elenco di bizzarrie, e sarebbe puro divertimento «se la corsa all’ originalità», spiega Niola, «non nascondesse temi profondi come l’ appartenenza, l’ identità culturale e sociale, il timore della massificazione. Se non fosse una chiave per scrivere una storia del costume.

Le Sabrine, le Rosselle e le Rite devono tutto a Hollywood. Con l’ avvento della tv, spopolano i nomi delle annunciatrici Rosanna (Vaudetti), Gabriella (Farinon), dopo arrivano le Jessiche, le Samanthe, poi il vintage fa riscoprire nomi classici, ora la pervasività della tecnologia, unita al terrore della banalità, ricombina tutto.

Per i Millennial, fluidi anche in quello, il nome è un vestito da cambiare. Nick e pseudonimi non servono a nascondersi, ma a darsi un’ identità». E si capisce perché Sabrina Efionayi, sedicenne di Castel Volturno, si sia ribattezzata Sabrynex per firmare i romanzi della serie Over, lettissima dal popolo young adult (l’ ultimo è TVB – Indietro non si torna).

Di sicuro non è più obbligatorio scegliere un santo come pretendeva il Concilio di Trento. Ma qualcuno prova ugualmente a creare una “lista nera”. In Francia, dove l’ ufficiale di stato civile è obbligato a trascrivere qualsiasi nome, anche se gli fa venire l’ orticaria, è da poco uscita L’ Antiguide des prénoms (5,99 euro su Kindle), compilata con la severità distante dei burocrati. Contiene mille nomi, possibilmente da evitare: Alkapone, Lowhaana, Retcharles, Athéna-Cherokee, Aboubacar-Jacky, Loup-Galéan, Anisette, Kissmy. E c’ è anche Nutella, eh.

Perché succede? Sia celebs che common people cercano l’ unicità. Shiloh Nouvel (figlia di Angelina Jolie e Brad Pitt) significa “Colui a cui appartiene”, l’ intenzione è simbolica.

Nicholas Cage ha dato al suo bambino il nome di Superman, Kal-El. E se non diventasse un supereroe? Jason Lee si è inventato Pilot Inspektor. Alicia Silverstone ha scelto Bear Lue.

Ashleee Simpson è mamma felice di Bronx Mowgli e Jagger Snow. I due maschi di Sylvester Stallone si chiamano Seargeoh e Sage Moonblood. Le tre figlie di Jamie Olivier sono Poppy Honey Rosie, Daisy Boo Pamela e Petal Blossom Rainbow.

Gwen Stefani e Gavin Rossdale hanno messo al mondo Kingston James McGregor, Zuma Nesta Rock e Apollo Bowie Flynn. Sono stati scritti milioni di post sulla figlia di Gwyneth Paltrow e Chris Martin, Apple, ma a questo punto Mela non sembra così strano. Se nella famiglia aristocratica la regola era tramandare nomi impegnativi come Aspreno e Gondrano, oggi la benedetta liquidità ha cambiato i parametri.

Non è la contessa a battezzare il figlioletto Clodoveo, ma l’ impiegata che l’ ha sentito in una serie televisiva e l’ ha trovato affascinante. Dice Stefania Andreoli, psicologa, abituata a confrontarsi con il magmatico mondo degli adolescenti: «I ragazzi che incontro minimizzano, non portano il loro nome come un argomento, nemmeno quando potrebbe esserlo. Chiedo: “Verdi? È il diminutivo di Verdiana?” “No, no. Mi chiamo Verdi. Non so perché me l’ abbiano messo, ma mi piace”. A Ilaria suggerisco: “Curioso, sei così lontana dal nome che porti. Ti vedo triste”. E lei: “Pff. È solo un nome… “

 Col nome abbiamo un rapporto come con la mamma: quella ti è capitata. Puoi amarla oppure odiarla, ma salvo casi estremi te la tieni. Qualcuno più originale di altri finisce per fare scelte grottesche (i famosi Chevin e Maicol), ma oggi il fenomeno è chiamare un figlio Luca». Anche la normalità può essere un bel destino.

Clicca su "Accetto" per consentire l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi