Tra le tante leggende metropolitane che ‘colorano’ la sessualità, questa cinquina sull’importante dispositivo medico sopravvive come certezza da prendere in seria considerazione“

pubblicato su TODAY http://www.today.it/donna/

Il sesso è uno degli argomenti che più altri si presta ad essere frainteso, confuso, riempito di frasi fatte e leggende metropolitane che diventano luoghi comuni in cui si perde di vista il reale funzionamento delle sue dinamiche.

Nella marasma di sedicenti trattati su orgasmi e anatomie maschili e femminili, rientra anche qualche storia sul preservativo, uno strumento indispensabile per la salute degli amanti, il cui uso e funzionamento sono tanto semplici quanto facilmente soggetti a chiacchiere tra le quali, però, spuntano almeno 5 verità da dare per certe.

Il sito Womenshealthmag.com insieme alla dottoressa Debby Herbenick, professore associato alla Indiana University, ha stilato un breve elenco per fornire una corretta informazione sul prezioso dispositivo medico che – è bene ribadire – è fondamentale contro la trasmissione di ogni malattia sessualmente trasmissibile.

1. Tenerlo nel portafogli – Pare che il preservativo nel portafogli, per alcuni ragazzi, non rappresenti solo una questione di sicurezza, ma un simbolo ‘scaramantico’ per ingraziarsi la fortuna che però, se gira a proprio favore, va incoraggiata non usando quello conservato, ma uno appena reso dalla scatola: un preservativo da tempo nella taschina della carta di credito, infatti, è soggetto a strofinii e ad una temperatura che potrebbe averlo deteriorato.

2. La bolla d’aria che cambia la vita –  Una bolla d’aria potrebbe esssere fatale per il resto della vita, per cui srotolando il preservativo non bisogna avere fretta e indossarlo con tutte le attenzioni del caso.

3. La taglia – Nessuno le ha mai viste, ma esistono e proprio come per i vestiti, è opportuno scegliere quella giusta perché con una troppo piccola il profilattico potrebbe rompersi, con una troppo grande si potrebbe sfilare durante il sesso. Quindi, bando alla timidezza, viva l’onestà.

4. ‘Troppo tardi’ – Mettere il preservativo solo all’ultimo momento, appena prima dell’eiaculazione, potrebbe costare caro a chi non voglia un figlio da lì ai prossimi nove mesi, dato che non è solo con il “gran finale” che esiste la possibilità di concepire: va indossato sin dall’inizio del rapporto per stare davvero tranquilli.

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/donna/preservativo-come-si-usa.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

Clicca su "Accetto" per consentire l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi